Anello d’oro della Russia in inverno

Anello d'oro

La nostra esperienza e le nostre raccomandazioni per i viaggiatori fai da te

Il nostro viaggio in inverno per l’anello d’oro in Russia lo abbiamo preparato in anticipo, programmando ogni passo. In questo articolo cercherò di raccontare cosa siamo riusciti a realizzare dai nostri piani, cosa ci è piaciuto, quali errori abbiamo commesso,

Spero che i nostri consigli vi aiutino a realizzare un viaggio simile per l’Anello d’oro, basandovi sulla nostra esperienza, evitare gli errori e pianificare al meglio, preparando al meglio il vostro viaggio.

Che cosa è l’Anello d’oro della Russia

L’Anello d’oro della Russia è un percorso turistico, che attraversa le antiche città del Nord-Est della antica Rus’, in cui sono conservati monumenti unici della storia e della cultura Russa,  e dove si trovano ancora centri di artigianato locale.

La storia dell’apparizione

Nel 1965, arrivando nella città di Suzdal, un giornalista sovietico Yuri Bychkov inventò un percorso ad anello che poteva unire le antiche città russe. Due anni dopo, nell’autunno del 1967, Yury Bychkov realizzò i suoi piani e guidò la sua auto lungo il percorso che aveva inventato.

Al suo ritorno a Mosca, ha scritto una serie di saggi sul viaggio. I saggi furono pubblicati sul giornale “Cultura sovietica” nel novembre-dicembre 1967 sotto il titolo generale “Anello d’oro”. Da quel momento, il percorso turistico lungo l’Anello d’oro della Russia è diventato molto popolare fra i turisti di tutto il mondo.

Struttura dell’Anello d’oro della Russia

Il numero e la composizione delle città dell’Anello d’oro variano di volta in volta. Le città tradizionali dell’Anello d’Oro si trovano in cinque aree (Regione di Mosca, regione di Vladimir, regione di Ivanovo, regione di Kostroma, regione di Yaroslavl’) e sono 8 le principali città:

  1. Sergiev Posad / Сергиев Посад
  2. Pereslavl-Zalessky / Переславль-Залесский
  3. Rostov Velikiy / Ростов Великий
  4. Yaroslavl’ / Ярославль
  5. Kostroma / Кострома
  6. Ivanovo / Иваново
  7. Suzdal’ / Суздаль
  8. Vladimir / Владимир.

Fanno parte del percorso altre città (Aleksandrov / Александров, Bogolyubovo  / Боголюбово, Gorokhovets / Гороховец, Gus’-Khrustalny / Гусь-Хрустальный, Dmitrov / Дмитров, Kalyazin / Калязин, Kideksha / Кидекша, Mosca / Москва, Murom / Муром, Myshkin / Мышкин, Palekh / Палех, Plyos / Плёс,  Rybinsk / Рыбинск, Tutaev / Тутаев, Uglich / Углич, Yuryev-Polsky / Юрьев-Польский, Shuya / Шуя) è facoltativo.

Nel 2015, la città di Kasimov della Regione di Ryazan è stata aggiunta alla lista delle città dell’Anello d’oro della Russia, e nel 2016 è stata aggiunta la città di Kaluga.

Il nostro percorso dell’anello d’oro

L’Anello d’oro comprende tradizionalmente le otto città principali, che abbiamo programmato di visitare e se avanza tempo la possibilità di visitare dei villaggi minori.

2 gennaio – 6 января

1000 km

  • Sergiev Posad / Сергиев Посад
  • Pereslavl-Zalessky / Переславль-Залесский
  • Rostov Velikiy / Ростов Великий
  • Yaroslavl’ / Ярославль
  • Kostroma / Кострома
  • Ivanovo / Иваново
  • Palekh / Палех*
  • Suzdal’ / Суздаль
  • Vladimir / Владимир
  • Yuryev-Polsky / Юрьев-Польский*
  • Aleksandrov / Александров*.

Come abbiamo pianificato il viaggio

Percorso

Il percorso lungo l’Anello d’oro della Russia inizia da Sergiev Posad, la città più vicina a Mosca e finisce a Vladimir.

Fu deciso da San Pietroburgo a Mosca di andare in treno, poi, in treno locale, a Sergiev-Posad. Le distanze tra le città non sono molto lunghe, il viaggio in autobus dura da 40 minuti, in treno 1,5 ore.

Abbiamo segnato tutti i principali punti lungo il percorso, abbiamo studiato le principali attrazioni, abbiamo trovato i migliori ristoranti di cucina locale, per gustare i famosi piatti della cucina russa, nonché i souvenir e i regali da portare.

Abbiamo avuto solo 5 giorni da dedicare al nostro viaggio, cioè, avremmo dovuto visitare 2 città al giorno. Forse in estate il viaggio in autobus è abbastanza realizzabile, tuttavia, è sconsigliabile muoversi in inverno con le proprie attrezzature sul bus.

Fu deciso di noleggiare un’auto. Un viaggio in auto consente di essere mobili, di muoversi più velocemente, e quindi vedere di più.

Oltre ai punti principali del percorso abbiamo deciso di visitare altre città dell’anello solo se fosse stato possibile. Per seguire i nostri piani, abbiamo calcolato il percorso di ora in ora..

L’intero percorso era entro 1000 km.

Il nostro percorso completo assomigliava a questo:

1 gennaio.  Treno notturno San Pietroburgo – Mosca.

2 gennaio. Di mattina il treno elettrico Mosca – Sergiev Posad. Qui noleggiamo un’auto e proseguiamo in auto. A pomeriggio trasferimento a Pereslavl-Zalessky (pernottamento in un motel).

3 gennaio. Trasferimento a Rostov Veliky, poi Yaroslavl’ (notte in ostello).

4 gennaio. Trasferimento a Kostroma, poi ad Ivanovo (notte in pensione).

5 gennaio. Trasferimento a Palech, poi a Suzdal’ (notte in una casa privata).

6 gennaio. Trasferimento a Vladimir. Quindi dobbiamo tornare a Sergiev-Posad per consegnare l’auto a noleggio. Lungo la strada visitiamo Yuryev-polacco e Aleksandrov. Poi il treno Sergiev-Posad-Mosca, treno notturno Mosca – San Pietroburgo.

7 gennaio. La mattina arrivo a San Pietroburgo.

Autonoleggio

Trovare un’auto da noleggiare, era davvero faticoso. Ho chiamato almeno 10 compagnie di autonoleggio a Mosca.

Le compagnie di Mosca non volevano fornire un’auto in affitto a cittadini italiani, solo a cittadini russi o residenti di Mosca.

Inoltre, non volevamo entrare nei famoso traffico di Mosca. Dopo una riflessione, decidemmo di cercare un autonoleggio direttamente a Sergiev Posad. In questa piccola città fu trovata l’unica compagnia della città che era pronta a fornirci un’auto in affitto.

L’azienda si trova nel cuore di Sergiev Posad, che è stato anche molto conveniente. Le condizioni del autonoleggio sembravano accettabili. Scegliemmo Nissan Almera. Su richiesta, l’azienda inviò all’indirizzo e-mail una mail di conferma di prenotazione.

Pagamento per 5 giorni è di 9500 + 10 000 rubli di cauzione

Autonoleggio my-rent.ru.

Indirizzo: ulitsa Karla Marksa 7, Sergiev Posad.

Attrazioni principali

Compilammo una lista di attrazioni in ogni città con gli indirizzi e le ore di quando possiamo visitarle. Nei nostri piani non c’erano visite a musei, solo monumenti architettonici dell’antica Rus’.

Alloggio

Quasi fino al momento critico, non eravamo decisi sulle date del viaggio, quindi la scelta di hotel per noi, era molto limitata.

Abbiamo cercato di scegliere il meglio del disponibile al momento della scelta, senza pagare troppo per servizi che non saremmo stati in grado di utilizzare.

Abbiamo programmato il check-in posticipato e il check-out anticipato. Il criterio di selezione principale è la possibilità di un buon riposo, poiché un buon riposo è molto importante nel viaggio, quindi gli hotel con un cattivo isolamento acustico sono stati  esclusi immediatamente.

Inoltre, le piccole città non hanno una vasta scelta di hotel, quindi per prenotare un alloggio a Suzdal’, abbiamo dovuto utilizzare il servizio di Airbnb.

Dallhotel disponibili abbiamo scelto:

  1. PERESLAVL’-ZALESSKIY. Motel “Sytyy yozhik“. Il motel è convenientemente situato sull’autostrada M8 e a 20 minuti di auto dalla città di Pereslavl’-Zalessky a metà strada da Rostov Velikiy il quale è molto comodo per i viaggiatori con i mezzi privati. L’interno è simpatico, c’è una veranda, il giardino, le stanze sono con un ingresso separato hanno attirato la nostra attenzione. Il ristorante è aperto 24 ore. Le opinioni e foto possono essere trovate nella descrizione del percorso di seguito.

Indirizzo: Tsentral’naya ulitsa, 45, derevnya (vilaggio) Pereleski

  1. YAROSLAVL’. Delle opzioni disponibili a un prezzo ragionevole abbiamo deciso di prenotare presso l’ostello “Tuk-Tuk”. L’ostello è piuttosto piccolo, ci sono poche camere. Le recensioni su Booking su di esso tutti sono positive e abbiamo scelto una stanza separata. Le opinioni su esso le trovate nella descrizione del percorso a Yaroslavl.

Indirizzo: ulitsa Svobody, 29, Yaroslavl’

  1. IVANOVO. Per scegliere dove alloggiare a Ivanovo ci abbiamo messo un sacco di tempo, non c’era quasi nulla da scegliere, tutti i buoni alberghi erano già prenotati. Di conseguenza, abbiamo spostato lo sguardo dagli hotel alle guest house e abbiamo scelto una delle migliori opzioni. La camera era spaziosa, con un letto grande e un bagno individuale.

Indirizzo: pereulok Podgornyy, 2, Ivanovo

  1. SUZDAL’. Abbiamo trovato una stanza in una casa privata sul servizio di Airbnb. La casa era situata nel centro, che è molto comodo. Inoltre, stavamo solo andando a dormire qui, non eravamo imbarazzati nemmeno dalla mancanza di un bagno nella stanza. Per una casa privata, questo è normale.

Indirizzo: ulitsa Engel’sa, 5, Suzdal’

Ristoranti

Parte delle città dell’Anello d’oro della Russia si trovano vicino ai grandi laghi o sul fiume Volga. Il Volga è uno dei più grandi fiumi della Terra e uno dei fiumi più importanti della Russia. Abbiamo davvero voluto provare piatti del pesce locale e cucina tradizionale russa, per cui è famosa questa parte della Russia.

Per cena scegliemmo:

  1. PERESLAVL’-ZALESSKIY. Ristorante “Fisch Herberg”. Qui c’è non solo un ristorante, ma un intero complesso turistico con un hotel, un ostello, un ristorante, una sauna e un negozio. Il complesso è dedicato all’aringa d’acqua dolce unica: il pesce bianco di Pereslavl’, che in Russia era chiamato aringa dello zar. Il complesso è realizzato in stile olandese, perché Pietro il Grande fondò la prima flotta divertente sul lago Plescheyev, e Peter fu addestrato in abilità navali in Olanda.

Cucina: russa, olandese.

Indirizzo: ulitsa Kardovskogo, 22, Pereslavl’-Zalesskiy.

  1. YAROSLAVL’. Ristorante «Sobranie» (Собрание). Il ristorante si trova sul territorio del complesso museale “Music and Time” – una ex proprietà mercantile costruita alla fine del XVIII secolo. Offre piatti secondo antiche ricette.
    Qui si possono provare i piatti preparati in pentole antiche in ghisa nella stufa tradizionale russa, piatti “con la storia”, il cui nome suscita interesse e appetito, specialità locali da prodotti locali, liquori tradizionali di sua produzione. Nel ristorante «Sobranie» è possibile non solo avere un pranzo gustoso, ma anche sentire la tradizionale atmosfera russa, si hanno impressioni piacevoli ed è possibile fare splendide foto di autentici interni d’epoca.

Indirizzo: Volzhskaya naberezhnaya, 33, Yaroslavl’

Aperto: 10:00–23:00

  1. Ristoranti di Ivanovo non ci fanno impressione, abbiamo deciso di fermarci al ristorante di cucina orientale Shesh-Besh («ШешБеш»).

Indirizzo: ulitsa Marii Ryabininoy 4, Ivanovo

Aperto: 12:00–0:00

  1. SUZDAL’. Ristorante “Ristorante russo” («Русская ресторация»). Il ristorante della cucina russa con interni d’epoca propone piatti secondo le antiche ricette russe.

Indirizzo: Kremlovskaya ulitsa 10 В, Suzdal’

Aperto: 11:00–23:00

Souvenir, shopping

Oltre ai magneti tradizionali, ogni località offre i propri prodotti di souvenir unici, prodotti solo in questo luogo:

  • Matrioska russa
  • Prodotti in ceramica
  • Scialli russi
  • Tessuti per la casa da calicò e lino
  • Gioielli realizzati con tecnica unica
  • Scatole di lacca pitturati a mano
  • Prodotti dalla corteccia di betulla
  • Ricamo
  • Stivali di feltro (valenki)
  • Pan di zenzero monastico (pryaniki)
  • Miele
  • Vodka, tinture

Partenza

Da San Pietroburgo a Mosca i treni partono dalle stazioni ferroviarie Moskovskiy vokzal e Ladozhskiy vokzal. La sera del 1 ° gennaio con il treno notturno alle 22:41, partiamo dalla stazione ferroviaria Ladozhskiy da San Pietroburgo per Mosca.

Abbiamo i biglietti per il coupé sui lettini superiori.

Questi posti sono molto più economici, e se non ci sono altri passeggeri, potete stare sul lettino di sotto. Il treno è molto comodo, il prezzo del biglietto include pantofole usa e getta, un set per pulire i denti, cibo. Ci offrono una scelta tra pappa di grano saraceno con pollo o pasta. Non so dire nulla sulla qualità del cibo, perché non abbiamo fame.

Prezzo del biglietto: 2358 х 2 = 4716 rubli.

Alle 06:50 il 2 gennaio il treno arriva a Mosca alla stazione ferroviaria di Leningradsky.

Il treno  per Sergiev-Posad parte dalla stazione ferroviaria di Yaroslavsky, che si trova vicino alla stazione di Leningradsky (stazione della metropolitana di Komsomolskaya).

Le biglietterie dei treni suburbani della stazione ferroviaria di Yaroslavsky si trovano fuori. Uscita alla piattaforma per prendere il treno si trova a destra della biglietteria. I treni per Sergiev Posad partono quasi ogni mezz’ora.

Durata deIl viaggio da Mosca a Sergiev Posad è di 1 ora e 30 minuti.

Prezzo del biglietto: 184 х 2 = 368 rubli.

  1. Sergiev-Posad

Sergiev Posad anello d'oro

Sergiev Posad. Monastero della Trinità di San Sergio

Dunque, Sergiev Posad è un’antica città russa, fondata nel 1337.

Ci siamo accordati per incontrarci all’ufficio di autonoleggio alle 9:00. A metà strada in ufficio, chiamo il manager per confermare che in pochi minuti saremmo arrivati lì. Quando finalmente una voce assonnata mi risponde, ci rendiamo conto che nessuno ci aspetta.

Tuttavia, una voce nel telefono ci dice che non dobbiamo preoccuparci e che, il responsabile, in 20 minuti arriverà a Mosca (!).

Arriviamo in ufficio e aspettiamo un po ‘di tempo e l’impiegata non ci presta attenzione.

Dopo la mia persistente richiesta di contattare nuovamente il manager responsabile, ci dice che sarebbe arrivato in  mezz’ora (!).

Intorno alle 11:00, arriva la persona che avrebbe dovuto preparare tutti i documenti e darci l’auto. Non voglio entrare in conflitto e iniziare con questa tanto attesa vacanza, ma 2 ore di tempo prezioso lo abbiamo perso.

Lasciando la macchina nel parcheggio della compagnia, andiamo a vedere l’attrazione principale di Sergiev Posad è il Monastero della Trinità di San Sergio (in russo Троице-Сергиевая Лавра [Troice-Sergieva Lavra]) il più grande monastero della Chiesa ortodossa russa con una lunga storia.

L’Ensemble di Lavra comprende diversi grandi templi. Per entrare nel tempio principale del complesso, stiamo mezz’ora al freddo.

Poi, visitiamo quelli, senza code, assaggiamo i piroshki del Refettorio del Monastero, che si trova a sinistra dell’ingresso. Nel negozio di officine di lavra acquistiamo prodotti in ceramica fatti a mano, prendiamo l’acqua santa della sorgente sacra di Savva Storozhevsky. L’acqua è molto pura e buona.

Souvenir in ceramica fatti a mano: 840 rubli.

Appena finita la visita, ci spostiamo verso Pereslavl-Zalessky.

  1. Pereslavl’-Zalessky

PERESLAVL’-ZALESSKIY fu fondata nell’anno 1152 dal principe Yuri Dolgoruky come futura capitale della antica Rus’ nord-orientale. La città si trova sulla riva del Lago Pleshcheev. Tuttavia, non riusciamo a vederlo. In inverno fa buio molto presto, alle 16:30 è già buio.

Attrazioni Pereslavl-Zalessky.

Passeggiando per il centro oscuro della città, vogliamo bere un tè, riscaldarci e riposare un po’. Qui nel centro andiamo al caffè “Montpensier”, Sovetskaya ulitsa, 10. Ci portano tè caldo e bliny con miele. Bliny e miele  molto gustosi.

Costo: 380 rubli.

alle 20:00 andiamo a cena al ristorante del complesso turistico «Fisch Herberg». La hostess, una donna non molto gentile, ci fà sedere a un tavolo in fondo alla sala. E a quanto pare tutti si sono dimenticati della nostra esistenza.

Altrimenti, come spiegare che gli ospiti che sono venuti dopo di noi, hanno mangiato e a noi la cameriera nemmeno si avvicina.

Vanamente il mio amico fa gesti con le mani, cercando di attirare l’attenzione della cameriera. Ciò che funziona in Italia non funziona in Russia. Finalmente abbiamo ordinato. Il ristorante è famoso per i piatti a base di pesce locale che abbiamo voluto provarli.

Chiediamo:

Pelmeni con pesce in brodo (di pesce con Sudak e gobba)

Sgombro con verdure cotte al cartoccio

Aringhe rustiche con patate

Mors di mirtilli rossi

Pane fatto in casa.

In totale: 1055 rubli (15 euro)

Opinione sul ristorante: Il personale non è assolutamente accogliente; i piatti sono semplici, il pesce era ben cotto, anche se tutti i piatti mancavano di sale. Non capisco perché TripAdvisor dà un punteggio di 8,8.

Qua nel negozio compriamo un magnete a forma di balalaika russa: 110 rubli.

Dopo, sulla strada principale di Yaroslavl, andiamo al Motel Sytyy yozhik(Сытый ёжик, in it. Riccio Sazio), che si trova a metà strada a Rostov. Andare al buio in una bufera di neve non è gradevole. Il tempo di percorrenza da Pereslavl-Zalessky è di 30 minuti.

A proposito del motel Sytyy yozhik. Il motel si trova proprio lungo la strada sulla destra. C’è un ampio parcheggio. Il ristorante è aperto 24 ore. C’è una veranda.

L’hotel è abbastanza carino, personale cordiale. Le camere con ingresso indipendente si trovano nel giardino. La stanza odorava di fumo di sigarette, il bagno è un po’ freddo, l’acqua del rubinetto ha un odore sgradevole.

Puoi sentire tutto ciò che accade nella stanza accanto. Lì si sente tutto ciò che fate. I materassi non sono molto comodi, ma siamo molto stanchi e non ci importa.

Non c’è il bollitore in camera, tutto si trova solo nel ristorante del motel. Tuttavia, siamo viaggiatori esperti, ho sempre con me un piccolo bollitore, una tazza e un caffè macinato. 2 bottiglie d’acqua. Penso che l’estate qui, tra gli alberi è molto più bella.

Al motel, proviamo a fare la registrazione per il visto del il mio amico. Purtroppo, il personale non ha  capito cosa cosa chiediamo.

Notte al motel: 2900 rubli.

Sbagliamo la scelta delle scarpe, questo è il nostro primo grave errore. Già Il primo giorno capisco che il mio amico non ha assolutamente le scarpe adatte per l’inverno russo.

Ciò che è adatto per l’inverno a Milano non è assolutamente adatto per l’inverno a San Pietroburgo o Mosca. Camminare fino al ginocchio nella neve con leggere scarpe di nubuck è assolutamente impossibile. I piedi si bagnano rapidamente, abbiamo asciugato le scarpe in motel con l’asciugacapelli.

La mattina del 3 gennaio ci prepariamo per andare a Rostov Velikij. La macchina si è coperta durante la notte di neve.

Dal motel, ci vuole circa 40 minuti per arrivare a Rostov Veliky. La strada per fortuna è pulita. 

  1. Rostov Veliky

Mattina 3 gennaio. Rostov Veliky fu fondata nel’862 nella regione di Yaroslavl’.

Situata sulle rive del Lago Nero. Il lago ha circa 500 mila anni. Va notato che il nome del lago, non è una traduzione in italiano, il lago russo è chiamato così, Nero.

Rostov Veliky è una delle città più antiche della Russia. Nel XI secolo, era una città grande e molto importante per la Russia. Nel 1125, il principe Yuri Dolgoruky trasferì la capitale a Suzdal’, e Rostov Veliky perse gradualmente il suo significato.

La città è piccola e accogliente, ci piace davvero. Il monastero di Spaso-Yakovlevsky (in russo Спасо-Яковлевский монастырь) e il Cremlino di Rostov sono molto impressionanti. Nel negozio del monastero pasticcini squisitamente deliziosi.

Dopo vediamo altri siti e ripartiamo per il nostro tour.

Cosa portare da Rostov Veliky:

Gioielli con finift’ di Rostov. Finift’ di Rostov è una tecnica di pittura, l’artigianato artistico popolare russo; esiste dal XVIII secolo.

Souvenir: orecchini in argento con finift’ 3600 rubli.

Magnete con vista del Cremlino di Rostov 200 rubli.

Andiamo a Yaroslavl’. Il tempo di percorrenza è di circa un’ora.

  1. Yaroslavl’

YAROSLAVL’ —fu fondata nel XI secolo e raggiunse il massimo splendore nel XVII secolo; nel 2010, la città ha celebrato il suo millennio. Yaroslavl’ è situata sulle rive del grande fiume russo Volga.

A Yaroslavl un’architettura completamente peculiare e caratteristica, sembra di entrare in una fiaba. Ha una bella vista panoramica sul lungomare.

Per cena, andiamo in un ristorante di cucina russa “Sobranie”. Il locale è molto particolare. Abbiamo la fortuna di avere un posto per noi in una delle più autentiche sale del ristorante con una stufa russa.

Qui vale la pena provare tutto, ma è assolutamente impossibile. La cucina è assolutamente splendida, i piatti sono preparati in pentole in ghisa in forno russo. Tutto era molto, molto gustoso. Il menu con foto dei pasti aiuta a fare la scelta.

Ordinammo:

Zuppa di cavolo Суп (in russo Щи суточные [Shchi sutochnyye])

Pesce con fagioli e funghi porcini

Cotolette di luccio con palline fritte di patate

Pel’meni di pesce Yarushki (specialità del locale)

Hkrenovuha (una delle bevande tradizionali russe a base di vodka e cren)

Pane fatto in casa

Costo: 1676 rubli (22 euro)

L’impressione del ristorante è positiva, tutti i piatti sono molto gustosi e insoliti. Mi dispiace che stiamo qui solo per una notte.

Per dormire andiamo all’ostello “Tuk-Tuk”. L’ostello non è facile da trovare, si trova in fondo al quartiere. C’è stato un caso strano con l’ostello. Un mese prima del nostro arrivo mi hanno chiamato e mi hanno chiesto di pagare l’alloggio.

La prenotazione dell’ostello non prevedeva il pagamento anticipato, quindi il comportamento del personale mi è sembrato inaccettabile, e ci siamo rifiutati di pagare nulla in anticipo.

Tuttavia, il personale è  molto gentile, Qui senza problemi riusciamo ad effettuare la registrazione.

Anche qui dobbiamo asciugare le scarpe per un’ora intera con un asciugacapelli.

Notte all’ostello “Tuk-tuk”: 2000 rubli.

Al mattino anche qui troviamo l’auto sepolta dalla neve.

Poi da Yaroslavl’ andiamo a Kostroma. Durata del percorso è di 1 ora e 30 minuti.

  1. Kostroma

4 gennaio. Kostroma è un’antica città russa, fu fondata dal principe Yury Dolgoruky nel 1152 sul fiume Volga. Nel XIII secolo Kostroma divenne il centro di una parte del principato (ordinamento statale della anchica Rus’).

Il centro storico della città, in fondo ha mantenuto la sua esemplare bellezza, Complesso dell’ epoca del classicismo tra la fine del XVIII e l’inizio del XIX secolo. Dei monumenti dell’epoca pre-Pietro il Grande, I più interessanti sono i complessi dei monasteri Ipatiev e dell’Epifania-Anastasia.

La città è inclusa nella lista degli insediamenti con lo status ufficiale di “storico”, ed è tradizionalmente inclusa nel l’Anello d’oro della Russia.

Le principali attrazioni con la descrizione.

Da souvenir acquistati:

Sale nero di giovedì* – 60 rubli

Magnete – 110 rubli

2 copriletti di calicò in tecnica patchwork – 3800 rubli

In totale: 3970 rubli

* Il sale di giovedì (sale nero) è un prodotto utilizzato nella cultura ortodossa russa; il sale, preparato in modo speciale il giovedì della Settimana Santa.

Nel pomeriggio andiamo ad Ivanovo. La distanza è di circa 100 km, la percorrenza è di 1 ora e 30 minuti.

  1. Ivanovo

Ivanovo fu fondata nel 1608 sulle rive del fiume Uvod’. Il nucleo storico di Ivanovo è la moderna Piazza della Revoluzione.

Molti oggetti architettonici storici sono stati persi. A Ivanovo  nel XVII secolo, si sviluppò l’artigianato tessile: tessitura e finitura su tele di lino .

A metà del XVIII secolo ricchi contadini diedero vita ai primi esempi di manifattura, in seguito ebbe inizio la produzione di calicò (Tipico leggero tessuto proveniente dalla città di Calicut )

Attualmente Ivanovo è il centro dell’industria tessile della Russia. Storicamente, nelle fabbriche tessili lavorano principalmente donne. Pertanto, Ivanovo è anche chiamata in Russia la città delle promesse.

Ad Ivanovo ci sono molti monumenti di architettura. 14 di loro hanno una categoria protezione federale. Qui è presentato l’architettura d’avanguardia dell’inizio del XX secolo, tra cui il costruttivismo, uno stile architettonico molto progressivo dell’URSS degli anni 1920-1930.

Arriviamo ad Ivanovo, quando è già buio. abbiamo cercato come raggiungere le attrazioni principali, ma qualcosa è andato storto. Il navigatore ci ha guidato senza successo in giro per la città, ma senza mai trovare le principali bellezze architettoniche. Poi il secondo errore si è davvero fatta sentire la mancanza di una semplice mappa cartacea.

E’ troppo tardi, non c’e nulla da fare, quindi decidiamo di andare a cena e poi alla guest house, prenotata per la notte.

Come ho detto prima, I ristoranti di cucina russa non ci facevano impazzire, abbiamo scelto il ristorante azerbaigiano “Shesh-Besh” (Шеш-Беш) nella speranza di mangiare un delizioso shashlik.Abbiamo prenotato anticipatamente il tavolo.

Opinione sul ristorante e sui piatti. Appena entrati, è chiaro che rispetto alle foto di TripAdvisor il ristorante sembra meglio. I camerieri sono molto burberi. Inoltre, ci danno un tavolo sotto l’appendiabiti.

Mi sono abituata alle difficoltà di vivere in Russia, Qui generalmente non si ha rispetto per i clienti, però il mio amico è molto indignato, insiste perché ci spostino di  tavolo.

Fortunatamente, in quel momento si libera un altro tavolo  e ci trasferiamo lì.

Per cena:

Costolette di agnello e zuppa di lagman orientale con pane fatto in casa.

La zuppa non è molto gustosa, a differenza del pane e della carne, l’agnello è stato cotto perfettamente.

Pagammo: 770 rubli (10 euro).

La guest house che abbiamo prenotato, ci è subito piaciuta. Camera grande, letto grande, bagno. Bollitore, caffettiera, microonde, frigorifero. Nel bagno ci sono tutti gli accessori igienici, accappatoio, pantofole. Confrontabile con il servizio di un hotel a 5 stelle. Particolarmente apprezzato materasso ortopedico.

Pagamento del guest house: 2250 rubli.

Quando accade qualcosa imprevedibile

Questa potrebbe essere una giornata memorabile, la casa si trova in una strada tranquilla, senza nessun rumore, solo a volte il silenzio viene interrotto dal suono stridente di alcuni uccelli, in quel momento però succede qualcosa di inaspettato, imprevedibile, Il nostro viaggio si interrompe.

La sera scopro che il mio amico ha la febbre, gli faccio prendere un antipiretico, ma la compressa non l’aiuta, il suo viso è in fiamme e incomincia a vaneggiare, toccando la sua fronte mi accorgo che la febbre è molto alta e decido allora di chiamare la compagnia di assicurazioni Lexgarant, per avere un medico, il mio amico è assicurato per il viaggio in Russia

Intorno alle 4 del mattino chiamo tramite WhatsApp il numero indicato nella polizza.

Nessuno mi risponde e sul viso scende un velo di terrore. Decido allora di chiamare direttamente il numero russo. Per mia fortuna Mi risponde un‘impiegato in russo. Spiego la situazione e che chiedo aiuto.

L’impiegato mi chiede tutti i dettagli,e registra la chiamata, alla fine mi consiglia di  di chiamare il pronto soccorso, rimango stupita del consiglio che mi ha dato, gli domando ma non dovreste essere voi a mandarmi un medico.

Mi risponde: “Siete nella città di Ivanovo, non possiamo trovarvi un medico che vi prendi in carico a quest’ora. Pertanto, chiamate l’ambulanza, loro sono tenuti a venire.dopo che avranno visitato il paziente decideranno sul da farsi. Fateci sapere cosa diranno.

A questo punto non mi resta che chiamare l’ambulanza al numero 112.

Dopo circa un ora non è arrivato ancora nessuno*

Come dovrebbe funzionare il servizio di ambulanza

*L’Ordine del Ministero della Salute della Federazione Russa n.388 del 20/06/2013, afferma che un’ambulanza dovrebbe arrivare al paziente tra circa 20 minuti.

Chiamo di nuovo al numero 112, mi dicono che la macchina è partita. Non so dove sia andata questa macchina per due ore intere, ma alla fine arriva alle 6 del mattino (!).

Che non è bastato che la macchina arrivasse dopo 2 ore, ma che  il medico dell’ambulanza  puzzasse di alcol di certo non me lo sarei aspettata. Il suo giovane assistente mi chiede come faccio senza un termometro a sapere che il mio amico ha la febbre (!) e che cosa voglio che loro facciano.

Gli chiedo di fargli  abbassare la temperatura. Gli misurano la febbre. Il termometro mostra 38,5. Il dottore  controvoglia inizia a visitare il mio amico. Per qualche ragione, il dottore pensa che se parla ad alta voce in russo il mio amico capisce meglio quello che gli dice con un tono come se comandasse un cane (siediti! apri la bocca! dai, gira!), il mio amico malato, poverino, capisce la situazione.

Traduco tutto ciò che possa essere tradotto senza mostrare emozioni, ma io sono scioccata da tale trattamento.Ovviamente Il mio amico gli ordini in russo non li capisce, e solo sorride in modo confuso e colpevole, facendo quello che gli avevo tradotto.

I medici erano più interessati a come mai siamo qui in questa casa che alle condizioni del paziente.

Dopo iniziano a filosofare sul fatto che nessuno avrebbe pagato per questa chiamata dell’ambulanza, e con loro non hanno nient’altro che un termometro.

Il dottore mi dice che la nostra polizza assicurativa non copre i costi del servizio dell’ambulanza e non lo garantisce. Il massimo che possono fare è un iniezione di dimedrol con analgin. Discutere e chiedere qualcosa in più è inutile, siamo disposti ad accettare qualsiasi aiuto che possa alleviare le condizioni del mio amico.

Alla fine, il dottore ausculta i polmoni e guarda la gola del mio amico, dopo di che raccomanda di acquistare in farmacia un antibiotico a largo spettro e di prenderlo per minimo 5 giorni, più l’antipiretico se la temperatura dovesse salire sopra i 38,2. Inoltre sarebbe necessario restare al caldo.

Tenete presente che l’ambulanza non lascia prescrizioni, fornisce solo assistenza di emergenza in loco e fornisce consigli generali.

La mattina vado in farmacia a comprare un termometro e le medicine. Naturalmente, in farmacia mi viene chiesta la prescrizione del dottore.

Descrivo al farmacista la situazione, ovvero che ho un italiano malato con febbre alta, che ha bisogno di aiuto ora e che non ho la ricetta. A quanto pare, la mia storia commuove la farmacista, la quale poi mi dà il farmaco senza prescrizione medica.

A dire il vero, è sbagliato! Come stabilisce la legge, senza prescrizione medica non avrebbero dovuto vendere la medicina, ma a volte in Russia non tutte le leggi vengono rispettate.

Pertanto, in farmacia è possibile acquistare un farmaco senza prescrizione medica. Noto che non si tratta di farmaci drastici. Anche per informazioni, se una persona si ammala, non importa di cosa, in Russia in farmacia è impossibile ottenere farmaci gratuiti anche se hai la prescrizione medica.

Cioè, anche i farmaci della categoria vitale in Russia dovete comprarveli. Se non avete abbastanza soldi per i farmaci, questo non interessa a nessuno. La medicina può essere ottenuta gratuitamente solo se una persona è stata ricoverata in ospedale.

Ma anche in questo caso, la completa fornitura di medicinali non è garantita. Succede che alcuni farmaci vengono acquistati dai parenti del paziente i quali li portano in ospedale.

Ad ogni modo, essere in Russia come cittadini stranieri e aver bisogno di aiuto o di acquistare farmaci, ogni vostra spesa deve prima essere concordata con la compagnia assicurativa. Se siete in una situazione simile prima di acquistare un farmaco, dovrete informare la vostra compagnia di assicurazioni.

Se acquistate farmaci, dovete mantenere la prescrizione del medico,dello scontrino,un foglio timbrato e rilasciato dalla farmacia con la descrizione completa i nomi dei farmaci e il loro valore, fattura con timbro della farmacia e firma del farmacista. Questi documenti saranno necessari per il rimborso delle spese sostenute per il trattamento nel periodo di validità della polizza.

E’ chiaro che non possiamo più continuare il viaggio all’Anello d’oro della Russia. Fortunatamente, la guest house è libera e rimaniamo per un’altra notte.

Pagamento per la seconda notte in pensione: 2200 rubli.

Sperando nell’effetto degli antibiotici e dei farmaci antipiretici, nel pomeriggio non abbiamo più bisogno di chiamare la compagnia assicurativa. Questo è stato il nostro terzo errore.

La sera la temperatura del mio amico sale a 39,2, alle 20:45 chiamo di nuovo l’assicurazione. La stessa persona che mi aveva risposto di notte, dice, come prima: “Chiamate un’ambulanza, non possiamo aiutarvi a quest’ora”

Sono indignata per la risposta della compagnia di assicurazioni. Inizio a fare domande, perché dovrei avere bisogno di una polizza assicurativa, se neanche mi aiutano. L’impiegato risponde che il loro compito è semplicemente quello di coprire le spese di trattamento sostenute dall’assicurato.

Cioè, la compagnia assicurativa Lexgarant potrebbe rimborsarvi il costo di un taxi, chiamate al telefono, un consulto medico, e i medicinali acquistati, a condizione che completiate tutti i passaggi correttamente e che confermate pienamente le vostre spese.

Secondo l’impiegato di Lexgarant, il nostro piano d’azione dovrebbe essere così:

  1. La chiamata di aiuto alla compagnia di assicurazione Lexgarant deve essere in orario di lavoro, cioè, dalle 10:00 alle 19:00.
  2. La compagnia vi fornirà l’ Indirizzo di un ospedale nel quale avrete l’appuntamento.
  3. Dovete prenotare un taxi e andare all’indirizzo specificato. Al tassista è necessario richiedere la fattura di pagamento del viaggio. Avverto che nelle piccole città è difficile, talvolta impossibile da fare. Per non parlare del fatto che in alcune aree è impossibile trovare un taxi.
  4. Cioè, dovrete in qualche modo trovare qualcuno che vi porti in ospedale.Immaginate, come ordinare un taxi con la temperatura di 39.2 in un’area in cui nessuno parla inglese.
  5. Se avete effettuato chiamate in assicurazione, taxi, ospedale, dovrete fornire una lista delle chiamate per ottenere il rimborso.
  6. Al medico, dovrete dire che tutte le cure devono essere adeguatamente riportate sulla prescrizione , altrimenti la compagnia assicurativa non le accetterà.
  7. Se avete bisogno del ricovero in ospedale, dovrete richiedere all’ospedale tutti i documenti e i controlli da presentare all’assicurazione insieme alle spese sostenute. Prestate attenzione alla correttezza dei documenti di registrazione.
  8. Ogni vostra azione, chiamata di un taxi, acquisto di farmaci, ricovero in ospedale, devono essere prima concordati con la vostra compagnia di assicurazioni.

Se l’incidente si è verificato al di fuori degli orari, l’unico aiuto che vi darà Lexgarant, è quello di chiamare l’ambulanza.

Questo consiglio ho ricevuto anche questa volta. Ho chiamato il 112 di nuovo. Lo stesso operatore che di notte mi fece una domanda strana: “Volete ancora chiamare un’ambulanza?”. Alla fine comunque mi ha mandato un ambulanza. Mentre aspetto l’ambulanza, faccio degli impacchi con  l’asciugamano bagnato per abbassare leggermente la temperatura.

Non nascondo di avere paura che arrivi la stessa équipe ubriaca della scorsa notte. Per fortuna arrivano due ragazze. Molto premurose e cortesi.

Gli impacchi aiutano, la temperatura scende un po’,dopo aver visitato il mio amico il medico mi dice che una puntura non serve, lasciando un paio di compresse da prendere se la temperatura aumenta nuovamente, e se ne andarono via.

La mattina dobbiamo partire per forza. Pertanto, Seguiamo attentamente tutto ciò che i paramedici dell’ambulanza ci hanno raccomandato. Non chiamiamo più’ la compagnia di assicurazione . A mio parere, è stato semplicemente inutile.

Così, il 6 gennaio, nonostante lo stato di salute, partiamo per Sergiev Posad per consegnare la macchina. Il 6 gennaio abbiamo i biglietti di ritorno per il treno notturno Mosca-San Pietroburgo.

Scegliamo su Google Maps la strada più corta. Il tempo di percorrenza è di 4 ore, una distanza di 250 km.

Lungo la strada abbiamo fatto rifornimento di benzina 20 litri 870 rubli.

La strada è corta ma non molto comoda, attraversa la foresta e piccoli insediamenti. A volte ci sembra  di aver perso la strada. Abbiamo fatto bene a fare benzina, perché distributori in questa strada non ce ne sono. Non c’è niente. La strada è completamente deserta, a volte sembra addirittura abbandonata.

Alle 16:00 diventa completamente buio, in macchina non funzionano più’ i tergicristalli, questo peggiorava notevolmente la visibilità.

alle 17:00 arriviamo alla sede della società in Sergiev Posad, che ci ha dato la macchina a noleggio. In attesa che ci danno attenzione, ci ricordiamo che non abbiamo fatto il pieno all’auto,e andiamo alla pompa di benzina.

La stazione di rifornimento più vicina è a cinque chilometri dall’ufficio. Si scopre che qui funziona così. Non importa quanta benzina chiedete,Ma quanti soldi lasciate come deposito.

Alla fine, per un pieno abbiamo pagato 1500 rubli.

All’ufficio dell’autonoleggio cerchiamo di ottenere lo sconto. La risposta fu categorica che la macchina è stata affittata  per 5 giorni.Quindi, niente sconti.

Per lavare l’auto come da contratto, la società prende 600 rubli. Tuttavia, ci viene detto che siamo in inverno, Quindi le serrature devono essere pulite. Pertanto, il lavaggio della macchina costa 650 rubli.

5 000 rubli di garanzia ci sono stati restituiti immediatamente. Il resto verrà versato sulla carta tra una settimana escluso i 700 rubli del lavaggio della macchina, cioè 4300 rubli,

Per non andare a piedi, cerchiamo un taxi su Internet. Ho il telefono scarico e non ci sono riuscita. Chiedo al dipendente di collegare il mio telefono in carica. Però la sua pazienza dura 2 minuti, ci viene chiesto di non impedire il lavoro e di andare via. Insisto per farci chiamare almeno un taxi.

Il tassista che viene su chiamata, ha chiesto 100 rubli per andare alla stazione. Poi dice che dal momento che abbiamo riempito l’intero bagagliaio (!), il viaggio costa 150 rubli.

Come bagagli abbiamo 2 piccole borse e due copriletti acquistati a Kostroma.

Il costo non è tanto, ma il prezzo che ha richiesto è di 2 volte superiore a quello ufficiale. E’ esagerato per arrivare in stazione ci solo 1,2 km, 15 minuti a piedi. decidiamo di andare a piedi.

Per Mosca il treno parte alle 19:40. Arriviamo alla stazione ferroviaria Yaroslavsky di Mosca. Il tempo di percorrenza è di 1 ora e 30 minuti.

Il costo dei biglietti: 2 x 184 = 368 rubli.

2 minuti a piedi dalla stazione ferroviaria di Leningradsky, da dove torniamo a San Pietroburgo.

Biglietti 2 x 2445 = 4890 rubli.

Dobbiamo aspettare tre ore in stazione. Andiamo alla sala d’attesa della stazione di Leningradskiy, che si trova al secondo piano. Qua è caldo, la sala d’attesa è piena di barboni che dormono.

Nella sala d’attesa c’è la connessione Wi-Fi, tuttavia, è possibile connettersi ad esso solo tramite carta SIM.

I nostri posti letto si trovano al secondo piano del treno vagone letto. Questa tipolgia di treni tra Mosca e San Pietroburgo esiste da poco.

Va detto subito che i lettini superiori sono molto scomodi, sopra c’è poco spazio, una persona alta qui semplicemente non entra. Inoltre, c’e un  fischio costante, che è molto fastidioso.

Il 7 gennaio alle 6:50 arriviamo a San Pietroburgo. Successivamente, un taxi verso casa

A questo punto il nostro viaggio è finito.

Ho specificamente descritto tutto nei dettagli in modo da poter far sentire i miei sentimenti. Ancora, è stato una sorta di esperimento per mostrare la vita in Russia dall’interno. L’esperienza vissuta è meglio di qualsiasi guida vi dirà come stanno le cose, che ci si può aspettare sulla strada.

L’anello d’oro della Russia vale sicuramente la pena di essere visto. È un’architettura unica, le città, molte delle quali hanno più di mille anni, la vera Russia, a volte, senza abbellimenti. Se volete capire l’anima russa, la Russia in generale, dovete assolutamente fare il percorso dell’anello d’Oro.

È, naturalmente, possibile scegliere qualsiasi altro modo di viaggiare, andare con un’agenzia di viaggi, per esempio. Ma, ciò che è diverso da turista e viaggiatore, è la presenza della propria esperienza vissuta.

Conclusioni:

5 giorni per questo viaggio è molto poco. Anche se si viaggia in auto, un sacco di tempo per spostarsi e per la ricerca di indirizzo. È meglio allocare per ogni città per almeno un giorno e mezzo. Ricorda che qualcosa può sempre andare storto, non è possibile prevedere tutto. Tuttavia, è possibile proteggersi in alcuni momenti.

In ogni stagione c’è un fascino singolare. In estate e in inverno, vedrete diverse città. In inverno le antiche città sembrano molto autentiche, in estate si avrà più tempo per visitare la città.

In ogni caso, viaggiare, in Russia merita!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

MENU