Cosa vedere in Hermitage

Tesori dell’arte mondiale al Museo Hermitage

Una collezione unica di tesori dell’arte mondiale. Il museo più visitato al mondo. Una raccolta colossale con oltre 3 milioni di articoli esposti. Il museo è situato nel cuore di San Pietroburgo, ed è il centro della vita culturale della città.

La storia dell’Hermutage risale al 1754, quando iniziò la costruzione della residenza reale sulle rive della Neva. I lavori furono guidati dall’architetto italiano Francesco Bartolomeo Rastrelli.

Il palazzo costruito da Rastrelli rimase la residenza reale ufficiale per quasi due secoli. La decorazione degli interni è stata cambiata più volte, seguendo la moda e il gusto del monarca regnante. Solo le facciate del palazzo hanno mantenuto il loro aspetto originale.

Nel periodo sovietico l’edificio ex residenza reale fu rappresentato un unico complesso museale – museo Statale Hermitage.

Orari e costo biglietti

 

Palazzo d’Inverno

La mano di Rastrelli si puo’ percepire dallo scalone di marmo bianco di Carrara, dai  modelli di interni barocchi creati da lui creati. La monumentalità e la solennità delle forme architettoniche, la decorazione accentuata, così come l’abbondanza di scultura e pittura,

Oltre alla ricca decorazione, le colonne di marmo grigio liscio e il soffitto del pittore italiano Ditsiani furono installati dopo l’incendio del palazzo nel 1837. Le sale cerimoniali iniziano dal primo piano del palazzo.

Sala Feldmaresciallo

Nella Sala Feldmaresciallo c’è la magnifica carrozza barocca realizzata per l’incoronazione di Caterina I moglie di Pietro I,. La carrozza è decorata con splendidi intagli e inserti pittorici dall’artista francese François Boucher. Fu in questa carrozza che i futuri monarchi russi si avvicinarono alla Cattedrale dell’Assunzione (Uspenskij) del Cremlino di Mosca per le cerimonie di incoronazione. Caterina la Grande, Paolo I, Alessandro II, Nicola II.

Sala di Pietro

La Sala di Pietro (la piccola Sala del trono) è stata creata in onore di Pietro il grande.  La sala era destinata per le udienze ufficiali.

 

Sala degli stemmi

La Sala degli stemmi racconta del sistema statale in Russia. La sala è illuminata da lampadari enormi e massicci, i quali sono decorati con gli stemmi delle città russe. Ora qui è esposta una collezione di argento europeo occidentale. Prodotta da maestri francesi del 18 ° secolo. I set d’argento stupiscono per l’elaborazione virtuosa dei dettagli. Qui ci sono i set tedeschi di epoca barocca. Graziosi vasi con forme bizzarre, conservano ricordi dello splendore delle cene cerimoniali, quando migliaia di tremanti bagliori di candele scintillavano sulle curve complesse di tazze e piatti. La sala era destinata a incontri cerimoniali.

Galleria di guerra del 1812

È la più famosa sala commemorativa del Palazzo d’Inverno. Al suo interno ospita oltre 300 ritratti di illustri generali di epoca napoleonica, tra cui i ritratti di due supremi comandanti dell’esercito russo Kutuzov e Barclay de Tolli.

I ritratti sono realizzati dall’artista inglese George Dow, che venne appositamente in Russia su invito dell’imperatore Alessandro I. Re di Prussia Federico Guglielmo III e l’imperatore austriaco Francesco I furono alleati di Alessandro I nella lotta contro Napoleone. La galleria è capeggiata da un ritratto dello stesso Alessandro di Franz Kruger.

La Sala Georgievsky

Questa è la sala principale del Palazzo (Grande Sala del trono). Le sue pareti sono rivestite di marmo bianco di Carrara. Tutte le cerimonie ufficiali della casa imperiale russa hanno avuto luogo in questa sala. Il soffitto unico, il cui motivo ripete l’ornamento multicolore del parquet, era composto da fogli di rame.

La Grande chiesa del palazzo

Era destinata a celebrazioni speciali. Il 14 novembre 1894 qui si è svolto il matrimonio dell’imperatore Nicola II con la principessa Alice dell’Assia Darmstadt, che ricevé il nome di Alexandra Feodorovna. La fastosa decorazione della chiesa si scosta dalla classica decorazione della tradizionale chiesa russa: pittura, stucchi e angeli simili ai cupidi. La chiesa fu creata dall’architetto Rastrelli su richiesta di Elisabetta.

Collezione francese

Collezione di dipinti francesi dal 15 al 18 ° secolo. Il Minaccioso cupido di Etienne Falcone, una copia dell’autore, creato per il Tempio dell’Amore di Versailles, fu concepito  su richiesta della marchesa di Pompadour.

Molti capolavori del 18 ° secolo furono acquisiti (ereditati) da Caterina II, una grande ammiratrice dello stile e della moda francese. Una di essi, è la statua di Voltaire, voluta da Caterina ed opera dello scultore Jean Antoine Gudon.

L’Hermitage ospita 12 tele di Nicola Poussin, il principale maestro del classicismo francese. L’armadio del mobiliere Andre Arles Boule è decorato con legno pregiato, avorio, guscio di tartaruga, ottone e argento.

I più importanti pittori della fine del 17 ° secolo lavorarono su schizzi per arazzi realizzati nella manifattura reale francese. L’Hermitage presenta la serie “La vita di Luigi XIV”, “Residenze reali” e “Bambini giardinieri”.

 

Collezione inglese

La collezione inglese di dipinti, porcellane e argento mostra tutta la diversità della scuola inglese. Il ritratto di “La signora in blu” di Thomas Geysbor è ricolmo di raffinata spiritualità.

Il dipinto di Joshua ReynoldsErcole Strozza i serpenti inviati da Era” fu realizzato appositamente per ordine dell’imperatrice Caterina II.

Richard Brompton dipinse un magnifico ritratto dell’imperatrice stessa. Inoltre, su richiesta speciale di Caterina, Josiah Wedgwood creò un servizio di ceramica con rana verde. La pittura sui bordi rappresenta le tenute e i castelli della vecchia Inghilterra, Scozia e Galles.

Collezione tedesca

La collezione di arte tedesca del 15-18 secoli. I migliori esempi sono le opere di Lucas Cranach il Vecchio dell’era del Rinascimento tedesco.

I capolavori più famosi dell’Hermitage devono la loro apparizione ai re russi e al loro amore per l’arte. Ognuno dei Romanov ha contribuito alla creazione di questa straordinaria collezione, che in seguito divenne il principale museo d’arte in Russia.

L’edificio del Palazzo d’Inverno fu costruito sotto Elisabetta. La fondazione del museo stesso è associata al nome di Caterina la Grande. Alla fine del XVIII secolo, la galleria d’arte di Caterina contava circa 4.000 dipinti. Cinque generazioni di Romanov hanno arricchito la collezione con una serie di grandi capolavori.

Soggiorno in malachite. La sala fu creata dall’architetto Alexander Bryullov. Furono Utilizzate oltre 2 tonnellate di malachite urale. Un vecchio vaso di malachite è esposto qui, il vaso è ricoperto da piccoli piatti di malachite, i quali danno l’impressione di seta spiegazzata. 

Interni del palazzo d’Inverno

Ogni famiglia incoronata ordinò nuove stanze per sé, decorate all’ultima moda. Piccola sala da pranzo stile rococò. Durante l’assalto al palazzo nel 1917 il Governo Provvisorio si nascose qui. Al momento del loro arresto, le frecce dell’orologio del camino furono fermate.

La biblioteca gotica, decorata per Nicola II dall’architetto Alessandro Krassovskij, fu magistralmente stilizzata in stile inglese gotico.

Il boudoir dell’imperatrice Maria Alexandrovna, moglie di Alessandro II, fu creato in stile rococò. La decorazione del boudoir abbonda di legno intagliato e fusione d’arte, formando un ornamento bizzarro.

La stanza cremisi faceva anche parte delle stanze di Maria Alexandrovna, dove trascorrevano le serate musicali.

L’interno del Soggiorno D’oro è decorato in stile bizantino, ricorda l’architettura delle camere reali del Cremlino di Mosca. Ora qui sono esposti eccellenti esempi di glittica europea, una volta appartenente al duca di Orleans, Casanova, così come il lavoro degli intagliatori inglesi William e Charles Brown.

La Sala bianca era situata nella parte residenziale del palazzo e destinata a piccoli ricevimenti. Le sue pareti sono decorate con numerosi paesaggi del popolare alla fine del 18 ° secolo l’artista Hubert Robert, che dipinse le vedute dell’Italia impregnate di antico romanticismo. I mobili del maestro di Roentgen che presentati qui, assomigliano a strutture architettoniche con colonne, nicchie e balaustre.

Piccolo Hermitage

Caterina II volle un piccolo palazzo per esporre  le sue collezioni, ed inoltre per organizzare feste per i propri amici. Per questo, fu eretto un nuovo edificio vicino al Palazzo d’Inverno. Sulle sue alte volte è sorto un accogliente giardino pensile, invisibile dall’esterno. Questo giardino, così come la facciata settentrionale, è stato costruito dall’architetto Jean Baptiste Wallen-Delamot.

Nel 19 ° secolo nel padiglione Settentrionale del Piccolo Hermitage, L’architetto Andrei Stakenshneider creò la sala Padiglione. Motivi antichi, moreschi e rinascimentali sono strettamente intrecciati nella sua decorazione. Colonne bianche come la neve, la griglia traforata e dorata e portici a castello ricordano gli interni dei palazzi orientali.

Piccoli inserti pittorici in medaglioni ovali ornano una nicchia semicircolare, il cui decoro ricorda la fontana delle lacrime di Bakhchisarai (una città in Crimea). Qui sono esposti tavoli decorativi con piani in mosaico di maestri italiani del 19 ° secolo.

L’orologio Pavone

È opera dell’officina dell’eccezionale gioielliere inglese James Cox, acquistato nel 1788 da Grigory Potemkin dalla proprietà della duchessa Kingston. L’arredamento dell’orologio raffigura un giardino, non vivo, ma meccanico, che rianima secondo la volontà dell’uomo. Ogni dettaglio di questo giardino ha un significato simbolico. Sui rami di un albero ci sono due uccelli: un gallo e un sontuoso bellissimo pavone. Secondo la leggenda, il pavone è il simbolo della dea Era, la padrona del cielo, che vive su una quercia, l’albero sacro del dio supremo.

Pittura olandese

La collezione di pittura olandese dei secoli 15-16 si trova nella galleria che collega i padiglioni Nord e Sud del piccolo Hermitage. Il dittico “Trinità” e “Madonna col Bambino” di Robert Kampen è uno dei reperti più preziosi della collezione.

Vecchio Hermitage

Le raccolte di opere d’arte e libri di valore che acquisì Caterina II crebbero così rapidamente che nel 1771 iniziò la costruzione di un nuovo edificio sotto il progetto di Yuri Felton. Gli interni originali non sono stati conservati, nel XIX secolo le sale furono ricostruite dall’architetto Stackenshneider.

Rinascimento italiano

Arte del Rinascimento italiano. Uno dei reperti unici è un affresco del monastero di San Domenico in Fiesole, dipinto dall’artista monaco Fra Beato Angelico.

La decorazione della sala principale dell’enfilade ricorda il lussuoso stile di Luigi XIV, fondato in Francia alla fine del 17 ° secolo, unendo le caratteristiche del classicismo e del barocco. In questa magnifica sala sono custodite due famose Madonne di Leonardo da Vinci.

“Madonna con un fiore” è una delle prime opere del maestro. Nonostante il soggetto religioso, questa immagine respira la semplicità e la gioia della vita terrena. Una sensazione molto diversa e piena della successiva «Madonna Litta». L’armonia dei colori e della composizione, il finissimo chiaroscuro e, soprattutto, l’inspiegabile magia del pennello di Leonardo, creano qui le maestose immagini della regina del cielo e del giovane dio. Il dipinto è stato partorito durante il soggiorno del maestro nel cortile di Milano.

 

«Giuditta» Di Giorgione. L’immagine di Giuditta piena di tenerezza e di pace, e solo la spada, il cui manico è tenuto dalle sue dita, ci ricorda che dobbiamo affrontare una formidabile eroina biblica. I ricercatori ritengono che la faccia del morto assassinato Oloferne, abbia le caratteristiche dello stesso Giorgione.

Tiziano è rappresentato da otto tele. La famosa «Danae» raffigura il finale della storia, quando Zeus l’innamorato appare davanti a Danae sotto forma di una pioggia dorata (era feticista). Un altro capolavoro di Tiziano raffigura la preghiera fervente di Maria Maddalena. La peccatrice apparve davanti a noi nel momento del profondo pentimento. “San Sebastiano” è stato creato dal maestro in estrema vecchiaia. Durante questo periodo, l’artista era interessato a temi di sofferenza e gesti eroici in nome della fede.

Loggia di Raffaello

La costruzione della galleria fu eretta dall’architetto Quarenghi e gli artisti della bottega di Christopher Unterberger fecero copie su tela degli affreschi dei dipinti di Raffaello.

Gli artisti hanno lavorato per 11 anni, ripetendo con attenzione gli ornamenti grotteschi. Gli archi semicircolari ritmicamente alternati dividono il soffitto in segmenti rettangolari di uguale lunghezza. In ciascuno di essi si trovano affreschi a tema biblico. Un totale di 52 storie dell’Antico e del Nuovo Testamento. La narrazione si apre con la creazione del mondo e la cacciata di Adamo ed Eva dal Paradiso, finisce con la storia della vita e della sofferenza di Cristo. Questa serie di immagini è spesso chiamata la Bibbia di Raffaello.

L’arte italiana dell’epoca del Rinascimento. Questa sala presenta una collezione di maiolica italiana e due opere del pennello di Raffaello Sanzio. Uno di loro, raffigurante la Sacra Famiglia, è chiamato «Madonna con Giuseppe senza barba». Quasi in miniatura «Madonna Conestabile» ha una forma tonda.

«Il fanciullo morto sul delfino» di Lorenzo Lorenzetto si distingue per le tecniche di lavorazione del marmo virtuoso. L’unica opera nell’Hermitage di Michelangelo BuonarottiIl ragazzo contorciato” fu probabilmente creata durante i lavori sulla cappella della famiglia dei Medici per la chiesa fiorentina di San Lorenzo.

Pittura olandese

Sulla scala Sovietica si incontrano l’enfilade di Piccolo, Vecchio e Nuovo Hermitage. Allo sguardo si apre uno dei capolavori del pennello del grande olandese Rembrandt Haarmens van Rijn «Il ritorno del figliol prodigo».

La figura del figlio, con i piedi logorati da una lunga strada, e un corpo emaciato, coperto da uno straccio, divenne un simbolo penetrante di tutti i tormenti terreni, dopo il quale passava, una persona trova la pace da un padre che perdona tutto.

Una delle opere più misteriose e belle di Rembrandt “Danae”. Nel 1985 il quadro è stato attaccato da uno dei visitatori dell’Hermitage. Ha versato acido solforico sulla tela e l’ha danneggiato con un coltello. Perdendo più dell 27%. Il restauro durò 12 anni e finì nel 1997. Da allora il quadro è esposto nella sala olandese. Per prevenire atti di vandalismo, il quadro è attualmente protetto da un vetro blindato.

Nuovo Hermitage

Il progetto del primo museo russo d’arte pubblica, l’imperatore Nicola I, ordinò all’architetto Leo von Klenze. L’ingresso al museo, aperto nel 1852, è decorato con un portico con 10 figure di Atlantide in granito realizzate dallo scultore Terebenev.

Lo scalone paragonato a quello che conduceva all’Acropoli di Atene. Tutte le 56 sale del Nuovo Hermitage furono destinate alle esposizioni museali. Le sale erano rifinite come se fosse un palazzo reale.

Pittura antica

La galleria di storia della pittura antica è dedicata alla forma scomparsa dell’arte, conosciuta solo dalla letteratura. Sulle volte della galleria ci sono bassorilievi ai grandi maestri del passato, tra cui il ritratto dell’architetto Leo von Klenze.

I dipinti murali stilizzati per la pittura encaustica (una tecnica pittorica con cera calda colorata), così come le statue di marmo bianco conservate in questa galleria, fanno risorgere l’immagine della mitologia greco-romana. Tutte opere di gallerie d’arte create nel XVIII e XIX secolo. I dipinti sono stati creati da Georg Hiltenshperger e le sculture dai principali scultori neoclassici.

Galleria Antonio Canova

Le sculture di Antonio Canova il cui nome è stato incluso nel Libro d’oro del Campidoglio romano durante la sua vita.  Galleria di storia della antica pittura decora una serie delle sue opere. “Amore e Psiche” di Canova è come un inno marmoreo all’amore, la cui forza invincibile trionfa su tutti gli ostacoli, persino sulla morte.

Le Schiarite

Le Schiarite sono le sale più grandi del Nuovo Hermitage, illuminate dall’alto da luce naturale. Erano destinate alla raccolta di dipinti dell’Europa occidentale. Le sale sono decorate con lampade in porfido  (roccia vulcanica) e rodonite, che ricordano alberi in fiore, così come i vasi di pietre semipreziose su piedistalli a forma di grifoni dorati.

“Ritratto dell’attrice Antonia Zarate” l’unica tela di Francisco Goya nell’Heremitage.

Nella piccola Schiarita spagnola sono esposti dipinti dei maestri spagnoli. Bartolome Esteban Murillo, José de Ribera, il grande Diego Velasquez. Uno dei capolavori della collezione spagnola è l’opera di El Greco “Gli Apostoli Pietro e Paolo”, che sono immersi nei pensieri sulla fede e sull’uomo. La natura ribelle di Pietro incontra la volontà implacabile di Paolo. Le pieghe dei loro ampi paramenti tremano come fiamme.

Collezione d’arte italiana. Al centro della Grande Schiarita la composizione dinamica di Giuseppe Mazuola raffigura Adone, amante della dea Afrodite, che muore dalle zanne di un cinghiale selvatico. Tra i pittori italiani del 18 ° secolo ci sono le opera di Canaletto.

Sulla tela «Accoglienza dell’ambasciatore francese» Venezia dell’epoca delle mascherate appare in tutta la sua sontuosità. La tela colorata di Luca Giordano “Battaglia tra Lapiti e Centauri” è la storia della mitologia greca antica. Lapiti, questa è una tribù semi-storica conosciuta per Iliade.

Nella Piccola schiarita è uno dei preziosi dipinti dell’Hermitage, “la Natività di San Giovanni Battista” di Tintoretto. «Il giovane con liuto», è l’unica tela di Michelangelo Merisi da Caravaggio nell’Hermitage, si distingue con un atto simbolico di ogni dettaglio. Il volto effeminato di un giovane ispira la stanchezza, non glorifica la giovinezza, ma ricorda la sua caducità. Il dipinto di Caravaggio “Un giovane con un liuto” raffigura la linea di basso di “Voi sapete ch’io v’amo” di Madrigal Jacob Arkadelt. Arcadelt non ha scritto per il liuto – questa è una musica a quattro voci.

 

Sala dei cavalieri

L’Assemblea delle armi dell’Europa occidentale comprende le opere dei più famosi maestri armaioli di Germania, Italia, Francia e Spagna.

Pittura fiamminga

Peter Paul Rubens, capo della scuola fiamminga, è presentato all’Hermitage con 30 opere. “Perseo e Andromeda”, uno dei capolavori della collezione. Un altro gioiello della riunione, è la famosa tela “Bacco”. Il convitto del dio della vinificazione grasso e flaccido e dei suoi compagni inebrianti, la tela è stata creata dal maestro nei suoi anni in declino. Rubens benedice la vita con tutte le sue gioie e imperfezioni.

“Autoritratto” di Antonis Van Dyck è considerato una delle sue migliori opere. Nella collezione di Hermitage ci sono 24 opere di questo maestro. Le enormi nature morte di Snyders raffigurano negozi di selvaggina, pesce e frutta. Un altro fiammingo del cerchio di Rubens è Jacob Jordaens, la sua tela “Il re dei fagioli”, (perché scoreggiano)raffigura il momento più allegro della tavolata durante la festa dei tre saggi. 

Sala a Tenda

Opere del cosiddetti piccoli olandesi, artisti del 17 ° secolo, che scrissero soprattutto dipinti di piccole dimensioni. Franz Hals, il geniale maestro del ritratto, afferra il personaggio in un attimo. I quadri dell’arguto e attento Jan Steen sono pieni di ottimismo per la vita. Secondo la leggenda, i suoi “Festaioli” interpretano Stan stesso e sua moglie.

Attraverso le immagini si può capire il carattere dell’artistai. I dipinti di alcuni artisti sono pieni di grazia, mentre altri sono sempre intrisi di satira. Il paesaggio è uno dei generi preferiti nella pittura olandese.

Sala delle 20 colonne

Arte antica nella sala delle 20 colonne. La collezione di anfore, i vasi, creati in tempi diversi riflettono lo sviluppo dell’arte della ceramica. Hydria è la regina dei vasi. Il rilievo bianco-oro su uno sfondo nero raffigura leoni, la dea Demetra e le divinità misteriose del suo entourage. Capolavoro etrusco in bronzo, è un coperchio di un urna funeraria IV secolo a. c. alla cui sommità è rappresentato un giovane al banchetto di un eterna festa. “Satiro in riposo” è una copia della scultura del grande scultore greco Prassitele.

Sala di Dioniso

Il colore purpureo delle pareti ricorda il vino rosso. La statua del dio del vino prima decorava il parco imperiale di Tsarskoe Selo. Un altro capolavoro della scultura di paesaggio è Venere di Tauride, trasferita qui dal Giardino estivo. Un Cameo Gonzaga, creato nel III secolo a.C. ad Alessandria, fu presentato ad Alessandro I da Giuseppina Beauharnais. Il ritratto accoppiato di una sardonica a tre strati raffigura Tolomeo II Filadelfo e sua sorella e moglie Arsine II. Nel 19 ° secolo, una colossale statua di Giove entrò nell’Hermitage, che un tempo adornava la villa dell’imperatore Dimecian. Questa è la versione romana del famoso Zeus Olimpico. Il lavoro dello scultore Fidia. Il corpo del Tuono è fatto di marmo e l’abito e gli attributi del potere sono fatti di metallo dorato. Nella sua mano destra regge una statua della dea Victoria.

Uno dei migliori busti Romani nel Museo dell’Hermitage, il ritratto dell’imperatore Clodio Albino, che fu ucciso da soldati ribelli.

Collezione egiziana

Al termine del guerriero napoleonico, la Russia e l’Europa catturarono un forte interesse per la misteriosa cultura dell’antico Egitto. A quel tempo, la collezione di Hermitage fu riempita con molte statue e sarcofagi.

Un’acquisizione importante fu la statua di Amenemhet III, il potente faraone del Terzo Regno. L’arte dell’antico Egitto è associata alla vita eterna nel regno dei morti e affascina per il suo distacco dalla vanità terrena.

Cultura primitiva

Dipartimento della cultura primitiva dell’Europa orientale, Siberia, Caucaso e Predkavkazya. La dispensa d’Oro dell’Hermitage mostra la famosa collezione siberiana di Pietro il Grande. L’imperatore russo chiese di cercare appositamente questi sorprendenti oggetti, creati sul territorio della Siberia diversi secoli a.C.

Il cosiddetto stile animale era caratteristico della creatività artistica di molte culture primitive. Cervo di Kostroma, uno dei più famosi reperti antichi di scito-sarmatico. La raccolta è emersa dopo gli scavi di tumuli nelle necropoli del mar Nero settentrionale alla fine del 19°-Inizio 20° secolo. La magnifica cresta del tumulo Solokha è stata creata da un maestro greco per il capo sciita. La maniglia probabilmente illustra la trama del mito sciita.

Argento sasanide dei III-VII secoli. Una ricca collezione di gioielli in argento della dinastia dei shahinshah persiani si trova in Hermitage.

Collezione cinese

La collezione cinese presenta una rara statua di un Buddha a due teste e quattro mani, che siede su un trono nella posizione del loto e dietro di lui ci sono due monaci. Lo stato di Tangut era situato tra Cina e Tibet, e si rifletteva nello stile dell’opera. Il personaggio principale è scritto in tibetano; in cinese, i volti dei monaci.

Netsuke giapponesi

Figure giapponesi netsuke. L’Hermitage ha raccolto circa 1500 figure di ossa e legno opera del lavoro dei maestri giapponesi. Netsuke, questo è un contrappeso da indossare sulla cintura di kiset, tubo o portachiavi. Il costume giapponese tradizionale non aveva tasche. Le loro storie esotiche, espressive, a volte grottesche, sono diventate fonte importante nello studio dell’usanza e dei costumi del Giappone nei secoli 17-19.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

MENU