La vita delle donne a San Pietroburgo prima della rivoluzione 1917

1 stella2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle (VOTA)

Congresso delle suffragetteSUFFRAGETTE, ATTRICI E PARAMEDICI

Immagina: sei una donna che è nata a San Pietroburgo nell’ultimo terzo del XIX secolo. Vieni da una famiglia abbastanza semplice, e la vita non ha preparato molte opzioni per te. Puoi diventare una telefonista, una sarta, una madre di famiglia o vendere biglietti per il cinema. Vediamo quali altre strategie di vita esistevano per una donna indipendente a San Pietroburgo all’inizio del secolo scorso.

Diventare un’attrice

Stai sognando di essere un’attrice di cinema. Ma la produzione cinematografica russa è concentrata solo a Mosca, e tu non vuoi lasciare San Pietroburgo. Allora puoi andare ad esibirti sul palcoscenico.

La prima ballerina del teatro Mariinskij Matilte Kšesinskaja

La prima ballerina del teatro Mariinskij Matilte Kšesinskaja

Puoi diventare una ballerina, però devi prepararti sin dall’infanzia. Vai alla scuola di balletto. Con un po’ di fortuna, le bambine adatte vengono iscritte qui, ricevendo una borsa di studio, ma ci sono anche studentesse che pagano 500 rubli all’anno. È possibile, sei ancora in tempo per ballare sotto la guida di Marius Petipa, che regnò nel balletto russo  dal 1840.  Essere ballerina in questi tempi significa avere non solo l’amore degli spettatori ma anche un ammiratore nobile che ti può aiutare a fare carriera. Come Matilte Kšesinskaja, la prima ballerina del teatro Mariinskij che era famosa non solo per i suoi balletti, ma anche per le storie d’amore con i grandi principi, incluso il giovane Nicola II.

C’è anche un teatro lirico e l’opera, ma è meglio pensare alle sfere più alla moda: l’operetta o le canzoni popolari, zingaresche. Una contadina di talento, ad esempio, può facilmente diventare famosa se canta cordialmente e dolcemente le canzoni di folk russe.

Non sei capace né di cantare né di ballare? Puoi diventare una poetessa, la poesia femminile è molto popolare, così trovi sicuramente  la tua strada.

Diventare una paramedica

Nel 1854 a San Pietroburgo fu aperta la prima scuola paramedica, dove potevano iscriversi al massimo 20 ragazze di 15-18 anni. La qualifica di paramedica è molto più alta di quella di una suora di carità..

Maria Voskresenskaya (nel centro), una dei primi dottoresse,1900

Maria Voskresenskaya (nel centro), una delle prime dottoresse,1900
© Associazione museale di Cherepovets

La vera lotta delle donne per il diritto all’istruzione superiore è iniziata con il desiderio di studiare medicina: nel 1861, un’insegnante presentò una petizione all’Università di Kharkov (Ucraina) per frequentare le lezioni alla Facoltà di medicina. La richiesta raggiunse l’imperatore Alessandro II. Lui era una persona dagli sguardi liberali e non era contro l’insegnamento alle donne nelle università.

Quindi due donne furono ammesse all’Accademia di Medicina e Chirurgia. A dire il vero, un paio di anni dopo sarebbero state escluse per la loro insufficiente istruzione generale.

All’inizio del 1890, c’erano già più di 500 dottoresse in Russia. Nel 1897, grazie a fondi privati a San Pietroburgo aprì la Facoltà femminile di medicina. Alla facoltà vennero ammesse le ragazze diplomate al liceo, in possesso di una medaglia d’oro. Il costo della formazione era elevato. Ma i laureati potevano occupare le posizioni nei reparti ospedalieri delle donne. Però, non potevano diventare professori.

Nel 1910, aprono molti corsi femminili di facoltà mediche. Quindi puoi pensare seriamente al lavoro paramedico: sta arrivando la prima guerra mondiale, e lì sarai davvero utile.

Non riesci ad ottenere un’istruzione superiore in Russia? Vai a Zurigo, come ha fatto la maggior parte delle tue compagne. Nel 1904 nell’Università di Zurigo 900 studentesse su 1200 sono ragazze russe.

Diventare una prostituta

Scusa della proposta, forse non è la più rosea in termini etici, ma non poteva mancare. Da spiacevole: esami medici regolari e controllo della polizia. Nel 1909, gli esami medici forzati furono annullati, ma è vero anche, che non tutte le “lavoratrici” ne erano entusiaste: persero i clienti che avevano troppa paura di essere infettati.

Biglietto di registrazione di una prostituta della città di Nizhny Novgorod,

Biglietto di registrazione di una prostituta della città di Nizhny Novgorod, 1904
© Wikimedia Commons

Lavorare in un bordello privò le ragazze dei diritti, dipendendo completamente dalla padrona del bordello, ma ci furono anche punti positivi: avevano un posto letto, cibo, vestiti e sicurezza.

Una prostituta in un bordello d’élite guadagnava fino a 600 rubli al mese, e il reddito delle ragazze nelle istituzioni di medio livello fu di circa 40 rubli, era il doppio dello stipendio di una dipendente di una fabbrica tessile. Naturalmente, nei bordelli dove andavano i soldati e i vagabondi, non era tutto così roseo: un cliente lasciava da 30 a 50 copechi, e una dipendente al giorno doveva soddisfare fino a 20 persone.

Quasi la metà delle lavoratrici del sesso, all’inizio del XX secolo arrivavano dalla servitù. Una ragazza su quattro era minorenne.

Non vuoi fare questo mestiere, ma non senti nessun colpo morale quando si tratta di soldi? Apri il tuo bordello: secondo la legge le padrone possono essere solo donne. Anche se i bordelli erano già meno popolari. Se a San Pietroburgo nel 1876 c’erano 206 bordelli, poi nel 1909, ce ne erano solo 32. Sempre più prostitute lavorano individualmente, spesso aiutate da «gatti» – papponi.

Diventare un’imprenditrice

Sempre più contadine, donne borghesi e donne delle famiglie dei dipendenti aprirono le loro imprese.

Intraprendenti pietroburghesi (per la maggior parte provenivano dalle province) fondarono trattorie e alberghi: secondo il censimento del 1900, dei proprietari di 6908 locande, 5261 sono donne. All’inizio del XX secolo, otto donne di San Pietroburgo possedevano imprese minerarie, nove – chimiche e altri cinque – alimentari.

Quando ti stanca il mondo crudele degli affari, puoi dedicarti alla beneficenza. Puoi sponsorizzare un movimento femminista.

Diventare una suffragetta

Con il termine suffragette si indicano le appartenenti al movimento di emancipazione femminile nato per ottenere il diritto di voto per le donne (dalla parola suffragio nel suo significato di voto). Se prima del 1905, le donne lottano principalmente per il diritto a un’istruzione superiore, poi sull’onda della rivoluzione, volevano di più.

Dimostrazione a Pietrograd il 1 aprile del 1917
Sul manifesto scritto “Diritto elettorale alle donne!”
© Archivio di Stato centrale dei documenti cinematografici di San Pietroburgo

Nel gennaio del 1905, 30 liberali di San Pietroburgo creano l’Unione Russa dell’uguaglianza delle donne, e nel mese di aprile, stanno già conducendo la prima manifestazione per i diritti delle donne nella storia della Russia. I partecipanti al movimento vogliono il suffragio non solo per le donne, ma anche per le persone di qualsiasi religione e nazionalità, la formazione congiunta di donne e uomini, e molto altro ancora. Regolarmente scrissero gli appelli al governo. Nello stesso anno, si aprono filiali dell’Unione in diverse città della Russia.

Manifestazione per i diritti femminili. Pietrograd, 1 aprile del 1917. Sul manifesto è scritto “Il posto delle donne nell’Assemblea Costituente”

Nel 1907, nella capitale appare la Società di mutuo soccorso delle lavoratrici, a cui parteciparono circa 300 persone, tra di loro ci sono anche uomini femministi. L’iniziatore della creazione della società e la sua partecipante attiva diventa marxista e rivoluzionaria, anche la propagandista del sesso libero Alessandra Kollontaj.

La prima donna ministro Alessandra Kollontaj

La prima donna ministro Russo Alessandra Kollontaj

Al I Congresso Femminile Russo del 1908 parteciparono 1053 femministe provenienti da tutta la Russia. Dopo il Congresso, l’Unione per l’uguaglianza delle donne chiude, ma si inaugura la Lega Russa per l’uguaglianza delle donne.

Nel 1911, la protesta del movimento femminista partecipò anche al Congresso Internazionale Femminile a Stoccolma e poi riusci’ad ottenere attraverso la Duma la revisione della legge, che dovrebbe permettere alle donne di partecipare alle elezioni dei governatorati, vivere separatamente dai mariti e avere uguali diritti ereditari sulla proprietà familiare.

Nel 1913, le bolsceviche celebrano ufficialmente la Giornata Internazionale della donna. Proprio con il malcontento delle donne delle lavoratrici della fabbrica di abbigliamento “Neva”, iniziò il primo movimento della rivoluzione nel 1917 contro la mancanza di pane, quando le operaie organizzarono lo sciopero spontaneo. C’è da ricordare che la Russia in quel periodo partecipava alla Prima guerra Mondiale.

Lo sciopero delle lavoratrici della fabbrica tessile “Neva”, Pietrogrado, 23 febbraio (8 marzo secondo il calendario gregoriano) del 1917. Sui manifesti è scritto “Date da mangiare ai figli dei difensori della patria” e “Aumento di razione alle famiglie dei soldati, ai difensori della libertà e del mondo popolare”

Dopo la rivoluzione, nel primo anno del potere sovietico, le donne ricevettero tutto ciò che sognavano – la piena uguaglianza con gli uomini: il suffragio, il diritto all’istruzione e al lavoro alla pari negli uomini. L’uguaglianza raggiunse un livello tale che nel paese non ci saranno più uomini e donne. Per tutti ci sarà un nome – traslitterato: tovarišč [in russo товарищ] – quando ci si rivolge sia a un uomo che a una donna. La parola esprime l’unità asessuata della società dei costruttori del socialismo.

Basato sui materiali dell’arzamas.academy

1 stella2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle (VOTA)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Get 30% off your first purchase

Got it!
X
MENU