Ponti di San Pietroburgo: storie incredibili e misticismo

ponti-san-pietroburgo

È impossibile immaginare la Capitale del nord senza ponti: è il simbolo principale della città, è il suo cuore e la sua essenza. A San Pietroburgo ci sono centinaia di ponti ognuno dei quali ha una sua storia, le sue leggende e suoi segreti. Proviamo a conoscere alcuni di loro.

Leggende e storia dei ponti di San Pietroburgo

Si può parlare dei ponti di Pietroburgo infinitamente. Ognuno di loro è in grado di diventare l’eroe di un romanzo con la sua affascinante storia.


Il ponte del Palazzo


I ponti di Pietroburgo hanno cambiato i loro nomi più volte. Come tutto il resto dopo la rivoluzione anche i ponti sono stati ridenominati. Nel 1916 gli era stato assegnato il nome ponte del Palazzo, già nel 1917 venne cambiato in Repubblicano. Nel 1944 il ponte riprese il suo nome originale.

ponte-Palazzo_san-pietroburgo


Il ponte Troitskiy (della Trinità)


Ponte della Trinità è uno dei più bei ponti levatoi di San Pietroburgo, è stato chiamato così nel 1827. In precedenza qui c’era un ponte di barche che si chiamava di Pitersburg. Quando il ponte fù ricostruito come permanente, prese il nome dalla Piazza Troitskaya, che si trovava nelle vicinanze.

Nel 1918 fù ribattezzato ponte dell’Uguaglianza e nel 1934 come ponte di Kirov, in onore del rivoluzionario Kirov. Solo nel 1991, il ponte si riappropriò del nome storico.

Nel 1934 le aquile bicipite sulle cime degli obelischi del Troitskiy (della Trinità) furono sostituite con stelle sovietiche.

Il vero tesoro del ponte è rappresentato da sedici lampade con tre lanterne, realizzate nel 1903 dallo scultore estone Amandus Adamson. La sfera superiore ha un diametro maggiore in modo che tutte le sfere sembrino uguali.

lanterne_ponte-Trinita-san-pietroburgo

 


Il ponte Blagoveshchensky


Il ponte Blagoveshchensky (it. dell’Annunciazione) è stato smontato a pezzi, e questi riutilizzati anche in luoghi completamente diversi.

A metà del XX secolo, il primo ponte di San Pietroburgo fù smantellato e le sue arcate in ghisa furono utilizzate per la costruzione di un nuovo ponte su fiume Volga. E le lanterne furono trasferite sul Campo di Marte a San Pietroburgo.

lanterne-Blagoveshchenskiy

Le lanterne storiche del ponte Blagoveshchenskiy sul Campo di Marte a San Pietroburgo

Mentre la sua sorprendente ringhiera, che è stata creata dall’architetto e artista Alexander Bryullov, (il fratello del grande pittore Karl Bryullov), è stata riportata al suo posto. Una massiccia e traforata ringhiera, raffigurante i simboli dell’elemento dell’acqua: il tridente di Nettuno, conchiglia e cavalli-ippocampi.

cavalli-ippocampi-Il-ponte-Blagoveshchensky

La ringhiera originale del ponte Blagoveshchensky

La leggenda narra che l’imperatore Nicola I prese a cuore la costruzione del primo grande ponte a San Pietroburgo e, per stimolare il processo di costruzione, promise all’ingegnere, l’autore del progetto, un aumento dei ranghi per la costruzione di ogni arcata del ponte. Dopo di che il ponte fù completato, l’ingegnere ricevette in dono il grado di generale.

Il nome del ponte è stato dato in onore alla Piazza dell’Annunciazione e della Cattedrale dell’Annunciazione, che fù poi demolita nei primi anni di potere sovietico. Dopo la morte dell’imperatore Nicola I il ponte fù ribattezzato nel 1855 in Nikolaevsky. E nel 1917 ha ricevette il nome di tenente-rivoluzionario,Tenente Schmidt.

Il nome storico del ponte Blagoveshchensky (dell’Annunciazione) fù restituito solo nel 2007, quando il ponte fù riaperto dopo la ricostruzione.


Il ponte Bolsheokhtinsky


Il ponte Bolsheokhtinsky fu posato nel 1909, in occasione dell’anniversario della Battaglia di Poltava con gli svedesi, quindi ricevette il nome di Pietro il Grande. Il ponte non ha quasi eguali per bellezza, ha due torri a forma di fari che si illuminano di notte. I contemporanei paragonavano il ponte alla Torre Eiffel.

Il ponte è composto da elementi metallici che collegano i rivetti. Secondo la leggenda, uno dei rivetti è fatto di oro puro. Presumibilmente, i costruttori lo inserirono per la felicità e ricoperto di vernice sotto il metallo. Tuttavia, è abbastanza difficile verificare tutto cio’. Ci sono quasi un milione di rivetti sul ponte di Pietro il Grande.

rivetti-Bolsheokhtinsky

 


Il ponte Bancario


Il mito del «denaro» è collegato al ponte Bancario sul canale di Griboedov. Secondo la convinzione esistente, questo ponte ha una sorta di «aura monetaria», e se dai un paio di monete al grifone, avrai un immensa fortuna.

ponte-Bancario-san-pietroburgo

 


Il ponte Potseluyev


Il ponte Potseluyev (it. dei baci), ponte ad arco con una sola campata sul fiume Moyka. Secondo gli storici, il nome è stato dato per la sua vicinanza al ristorante del commerciante Potseluev. Ma le nature romantiche preferiscono credere ad altre leggende.

Qui i marinai si salutavano con le loro amiche prima di partire, i prigionieri con i loro parenti. Qui si incontravano coppie che per qualche motivo dovevano nascondere i loro sentimenti. Oggi si ritiene che gli innamorati che si baciano sul ponte o sotto di esso, saranno felici. La misura di questa felicità dipende da quanto tempo è durato il loro bacio.

 


Il ponte di Anichkov


Attraverso il fiume Fontanka ci sono 15 ponti, ma il ponte di Anichkov è il più popolare tra i turisti. Si distingue per le sue magnifiche sculture Il potere dell’uomo sul cavallo, fondata nel 1841. L’autore di sculture Pietro Klodt.

C’è una leggenda che dice, quando l’Imperatore Nicola I accettò il lavoro, esclamò: «Beh, Klodt, i cavalli li fai meglio di un stallone!».

Tuttavia, sono pochissime le persone che fanno attenzione ai ferri sugli zoccoli dei cavalli che salgono verso l’Ammiragliato. E quelli che guardano in direzione di piazza Vosstaniya (it. Piazza della Ribellione), no. Questo perché nelle vicinanze si trova Kuznechnyy pereulok (it. vicolo del Fabbro), nel quale una volta venivano ferrati tutti i cavalli della città. Quindi, i cavalli già ferrati escono dal fabbro e quelli che ancora no vanno verso il vicolo.

Le cattive lingue dicevano che Klodt morì di dolore, quando scoprì accidentalmente che due dei suoi cavalli sul ponte non avevano la lingua.

Le copie di queste sculture si trovano a Mosca, Berlino, Napoli e nei dintorni di San Pietroburgo (Strelna e Peterhof).

Una delle copie della scultura di Klodt a Napoli

Una delle copie della scultura di Klodt a Napoli


Il ponte Egiziano


Durante la costruzione del ponte Egiziano in città si parlava del enigmatico e mistico antico Egitto. Ora il ponte con le sfingi di San Pietroburgo è uno dei suoi simboli più riconoscibili.

Quando è stato costruito il ponte nel 1826, era più ricco rispetto ad oggi. Oltre alle sfingi di bronzo, c’erano alte porte di pietra con geroglifici, ornamenti in stile egizio e delle catene su cui pendeva la struttura.

 

Il-ponte-Egiziano-storia-san-pietroburgo

Il ponte Egiziano nel 1896

Le sfingi misteriose dovevano proteggere la struttura, ma invece si sono rivelate un maleficio a causa dei numerosi incidenti avvenuti su questo ponte.

Uno di questi accade il 20 gennaio 1905. Quel giorno, uno squadrone di cavalieri della Guardia attraversò il fiume Fontanka, e nello stesso tempo una intera carovana di undici slitte attraversò il fiume sul ponte Egiziano. Il ponte, non potendo resistere al carico e alla risonanza crollò sul ghiaccio, rompendo una parte del supporto in ghisa.

La gente, tuttavia, reputo il fatto alquanto misterioso. Dissero che prima del crollo una donna maliziosa si sporse dalla finestra vicino al ponte, minacciando i guardiani con il suo pugno e gridando: – «Sprofondatevi!».

Il fatto del crollo del ponte è entrato nei libri di testo e nei regolamenti militari. Ora con il passaggio di tali costruzioni, ai militari viene dato il comando “non al passo!”.

Ponte_Egiziano_san-pietroburgo

 


Il ponte dell’Hermitage


Il ponte dell’Hermitage è un piccolo ponte sul Zimnyaya kanavka uno dei primi ponti in pietra di Pietroburgo che conserva una triste leggenda. Fù da questo ponte che, secondo la storia, la giovane ragazza Julia Perova si gettò nell’acqua a causa dell’amore infelice.

Il dramma di una giovane ragazza ha ispirato Tchaikovsky, il qualle decise che Lisa, la protagonista della sua opera «La dama di picche», ha l’obbligo di seguire Yulia. Da allora Il ponte dell’Hermitage viene chiamato «ponte di Lisa».

ponte-dell'Hermitage

 


Il ponte Sampsoniyevskiy


Il ponte Sampsonievsky nel XIX secolo era chiamato Vyborgsky. E nel 1918 fù ribattezzato ponte della Libertà. Il ponte ha ricevuto il suo nome moderno solo nel 1993 per titolo di Sampsonievskaya lungofiume.

Sampsoniyevskiy-ponte-san-pietroburgo

 


Il ponte Liteynyy


Il suo nome attuale, il ponte Liteynyy (it. Fonderia)gli è stato dato in onore del Cortile Fonderia, fondata da Pietro I. Nel Cortile Fonderia furono stati fusi i cannoni durante la guerra del Nord. Più tardi il cortile è scomparso, ma ora si chiama Prospettiva Liteynyy la quale dà il nome anche al ponte.

Dal 1879 il ponte Liteynyy fù chiamato ponte dell’Imperatore Alessandro II. Dopo la rivoluzione tornò al nome originale – Liteynyy.

Il-ponte-Liteynyy

 


Il ponte Prachechnyy


Il ponte Prachechnyy (it. della Lavanderia) per le sue caratteristiche ha ricevuto il nome popolare Ubriaco.

La fantasia dei cittadini dice che: se nella costruzione ci sono le finestre con le sbarre, per loro deve essere una prigione. O almeno un corpo di guardia.

Secondo la leggenda, i marinai ubriachi colpevoli venivano messi nel «sacco di pietra» del ponte Prachechnyy. Il ponte sulla Fontanka vicino alla Neva non era altro che «il primo impianto di disintossicazione».

In realtà qui non c’era alcun tipo di «disintossicazione». Il suo nome ufficiale di ponte Prachechnyy è stato preso dalla lavanderia del palazzo nelle vicinanze. Ma la fantasia delle persone comuni, come è noto, è senza limiti.

ponte-Prachechnyy

 


Ponte Panteleimonovsky


Panteleimonovsky-ponte_San_Pietroburgo

La storia del ponte risale alla prima metà del XVIII secolo, quando un acquedotto di legno fù trasportato attraverso il fiume Fontanka vicino al Giardino Estivo per fornire acqua alle fontane installate nel primo giardino cittadino.

Solo nel primo quarto del XIX secolo, al posto del ponte-acquedotto, fù costruito un ponte sospeso, su catene, fissato a supporti di terra. Sembrava che il ponte sospeso fluttuasse nell’aria, e in inverno ricordava il castello di ghiaccio. Il ponte si chiamava delle Catene.

Panteleimonovsky-Fontanka

All’inizio del XX secolo sotto l’assalto dell’urbanizzazione, il ponte sospeso fù sostituito da uno permanente. C’è anche una leggenda che spiega per quale motivo il Ponte delle Catene è stato smantellato: come se dopo il crollo del ponte Egizio, tutti questi ponti a catene fossero tutti riconosciuti come pericolosi e furono smantellati.

Il ponte moderno è straordinariamente bello. Il personaggio principale della decorazione del ponte è la Medusa Gorgona, un personaggio di antichi miti greci, la personificazione del male.

Panteleimonovsky-ponte_ыфт_зшуекщигкпщ

La sua testa è collocata in medaglioni su luci a ponte in ghisa, realizzate sotto forma di copie fasciate. L’arco del ponte è decorato con maschere di leoni in medaglioni rotondi contornati da elementi vegetali, bracci di freccette, ali d’aquila.

Medusa_Ponte Panteleimonovsky

Dal ponte Panteleimonovsky è obligatorio gettare una moneta per la felicità sulla più piccola scultura Chizhik-Pyzhik.

piccola-scultura-Chizhik-Pyzhik

 


Ponte Pevchesky


Con il suo aspetto, il ponte Pevchesky (it. Il ponte Cantante) posato per l’esercito. Il ponte Pevchesky, attraversa il fiume Moyka, si trova vicino alla Piazza del Palazzo. Questo è il quarto ponte per larghezza a San Pietroburgo: la sua lunghezza è di circa 24 metri, la larghezza è di 72 metri.

Il primo ponte di legno qui fù costruito nel 1834 dall’architetto Montferrand e serviva al passaggio delle truppe che partecipavano alla parata d’apertura della Colonna di Alessandro alla Piazza del Palazzo.

Nel 1839-1840, il ponte di legno fù sostituito da un ponte ad arco a campata unica in ghisa, progettato dall’ingegnere Adam, che è anche l’autore del ponte Bancario. Non dedicò molto tempo al nome di questo ponte, lo chiamò Giallo.

Tuttavia, la leggenda dice che il ponte qui fu richiesto dall’imperatore Nicola I a causa della caduta nella Moyka di una persona di alto rango che si stava affrettando ad andare a palazzo per pranzo. L’incidente, fortunatamente, si è risolto senza nessun problema. Ma per evitare casi simili in futuro, l’imperatore ordinò di costruire un ponte.

Il nome attuale è Pevchesky, al ponte fu dato nel 1840, poiché portava verso le porte della Cappella Cantante, che a quel tempo era il cuore della vita musicale di San Pietroburgo.
La decorazione principale del ponte è la griglia in ghisa. La griglia del ponte di ferro battuto è unica, artistica, simile al pizzo ventaglio.

Pevchesky_ponte-san-pietroburgo






, , , ,
1 stella2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle (1 voti, media: 5,00 su 5)
MENU